PIANO DELL' OFFERTA FORMATIVA          

 

Ø          Organizzazione e orari:

    Scuole dell'infanzia

    Scuole primarie

Ø          Finalità

Ø      Indicatori di apprendimento

Ø          Deleghe

Ø         Finalità della programmazione educativa e didattica

Ø          Progetti di Circolo

Ø          Elenco progetti

Ø          Formazione

Ø          Regolamento viaggi di istruzione

Integrazione

Regolamento di Circolo

 

ANALISI DELLA SITUAZIONE GENERALE

 

La Direzione Didattica di Borgomanero è costituita da 9 sedi di Scuola dell’Infanzia, delle quali 7 situate nel comune di Borgomanero, due nei comuni di Maggiora e Cureggio, e da 8 sedi di Scuola Elementare, delle quali 6 situate nel comune di Borgomanero, 2 nei comuni di Maggiora e Cureggio.

Scuola dell’Infanzia

La scuola dell'Infanzia, liberamente scelta dalle famiglie, si rivolge a tutti i bambini dai 3 ai 6 anni di età ed è la risposta al loro diritto all'educazione.
Per ogni bambina o bambino la scuola dell'Infanzia si pone la finalità di promuovere lo sviluppo dell'identità, dell'autonomia, della competenza, della cittadinanza.

Sviluppare l'identità significa imparare a stare bene e a sentirsi sicuri nell'affrontare nuove esperienze.  Vuol dire imparare a conoscersi come persona unica e irripetibile.  Vuol dire anche sperimentare diversi ruoli e diverse forme d'identità: figlio, alunno, compagno, femmina o maschio.

Sviluppare l'autonomia significa scoprire e governare il proprio corpo, avere fiducia in sé e negli altri, esprimere sentimenti ed emozioni, esplorare la realtà e comprendere le regole della vita quotidiana, assumere atteggiamenti più responsabili.

Sviluppare la competenza significa imparare a fare domande, riflettere, osservare, narrare, rappresentare le proprie esperienze quotidiane.

Sviluppare il senso della cittadinanza significa scoprire gli altri, i loro bisogni, la loro cultura, le loro regole e rispettarli.

Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Il sé e l'altro: le grandi domande, il senso morale, il vivere insieme.

Il bambino sviluppa il senso dell'identità personale, sa di avere una storia familiare comunitaria e sviluppa un senso di appartenenza. Pone domande sui temi esistenziali, sulle diversità culturali e religiose, su ciò che è bene o male.
Ha raggiunto una prima consapevolezza dei propri diritti e doveri e dei valori; riflette, si confronta, discute con gli adulti e con gli altri bambini, si rende conto che esistono punti di vista diversi. Ascolta, dialoga, progetta confrontandosi; gioca e lavora in modo costruttivo, è creativo con gli altri bambini.  Comprende che è fonte di autorità e sa seguire regole di comportamento.

Il corpo e il movimento: identità, autonomia, salute.

Il bambino raggiunge una buona autonomia personale nell'alimentarsi e nel vestirsi, riconosce i segnali del corpo, sa che cosa fa bene e che cosa fa male, conosce il proprio corpo, le differenze sessuali e di sviluppo, segue consegne pratiche corrette di cura di sé, di igiene e di sana alimentazione.
Prova piacere nel movimento e nelle diverse forme di attività e destrezza quali correre, stare in equilibrio, coordinarsi in giochi individuali e di gruppo che richiedono l'uso di attrezzi e il rispetto di regole, all'interno della scuola e all'aperto.

Linguaggi, creatività, espressione: gestualità, arte, musica, multimedialità.

Il bambino segue con attenzione e piacere spettacoli di vario tipo (teatrali, musicali, cinematografici ...); sviluppa interesse per l'ascolto della musica e per la fruizione e l'analisi di opere d'arte.  Comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando le varie possibilità che il linguaggio del corpo consente. Inventa storie e si esprime attraverso diverse forme di rappresentazione e drammatizzazione.  Si esprime attraverso il disegno, la pittura ed altre attività manipolative e sa utilizzare diverse tecniche espressive.
Esplora i materiali che ha a disposizione e li utilizza con creatività. Sviluppa capacità di attenzione e sa portare a termine il proprio lavoro.
Scopre diverse sonorità attraverso attività di percezione e produzione musicale, voce, suoni, oggetti.
Esplora le proprie possibilità sonoro - espressive e simbolico-rappresentative.
Esplora le possibilità offerte dalle nuove tecnologie.

I discorsi e le parole: comunicazione, lingua, cultura.

Il bambino sviluppa la padronanza d'uso della lingua italiana e arricchisce il proprio lessico.
Sviluppa fiducia e motivazione nell'esprimere e comunicare agli altri le proprie emozioni, le proprie domande, i propri ragionamenti e i propri pensieri attraverso il linguaggio verbale.
Racconta, inventa, ascolta e comprende le narrazioni e la lettura di storie, dialoga, discute, chiede spiegazioni e spiega, usa il linguaggio per progettare, riflette sulla lingua e confronta linguaggi diversi.
Formula ipotesi sulla lingua scritta e sperimenta le proprie forme di comunicazione attraverso la scrittura anche utilizzando le nuove tecnologie.

La conoscenza del mondo: ordine, misura, spazio, tempo, natura.

Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta e valuta quantità; utilizza semplici simboli per registrare; compie misurazioni mediante semplici strumenti.
Colloca correttamente nello spazio se stesso, oggetti, persone, segue correttamente un percorso sulla base di indicazioni verbali.
Si orienta nel tempo della vita quotidiana. Riferisce eventi del passato, formula riflessioni e considerazioni relative al futuro; coglie le trasformazioni naturali.
Prova interesse per gli prodotti tecnologici, li esplora e sa esprimere funzioni e possibili usi.
E' curioso, esplorativo, pone domande, confronta ipotesi, soluzioni e azioni. Utilizza un linguaggio appropriato per descrivere le osservazioni o le esperienze.

 

 

ORGANIZZAZIONE e orario

“Via Scuole”

Funzionano 3 sezioni.
Apertura da lunedì a venerdì dalle 8.00 alle 16.30.
A disposizione dell’utenza c’è un servizio di pre e post scuola.
 

“G. Pascoli”

Funzionano 3 sezioni.
Apertura da lunedì a venerdì dalle 8.00 alle 16.00.
.
 

“corso roma”

Funzionano 3 sezioni.
Apertura da lunedì a venerdì dalle 8.00 alle 16.15.
 

“maggiora”

Funzionano 2 sezioni.
Apertura da lunedì a venerdì dalle 8.00 alle 16.00.
 

“SANTA croce”

Funzionano 2 sezioni.
Apertura da lunedì a venerdì dalle 8.00 alle 16.00.
 

“SANTA cristina”

Funzionano 2 sezioni.
Apertura da lunedì a venerdì dalle 8.00 alle 16.00.
Servizio di post-scuola.

“vergano”

Funziona 1 sezione.
Apertura da lunedì a venerdì dalle 8.00 alle 16.00.
 

“SAN marco”

Funzionano 2 sezioni.
Apertura da lunedì a venerdì dalle 8.15 alle 16.15.
 

“CUREGGIO”

Funzionano 2 sezioni.
Apertura da lunedì a venerdì dalle 8.30 alle 16.30.
 

A disposizione di tutte le scuole dell'infanzia c'è un insegnante di IRC e  insegnanti di sostegno per gli alunni disabili.

Scuola Primaria

L’orario delle lezioni varia da plesso a plesso in relazione a problemi di trasporto e delle richieste dell’utenza.

 

ORGANIZZAZIONE E ORARIO

Anno Scolastico 2013/2014

 

DANTE ALIGHIERI

TEMPO PIENO    8.10/16.10

 CLASSI PRIME, SECONDE, TERZE              8.10/12.30        rientri pomeridiani lunedì e giovedì    13.45/16.10

 CLASSI  QUARTE E QUINTE       8.10/12.30        rientri pomeridiani lunedì, martedì e giovedì:    13.45/16.10

 

 

VITTORIO ALFIERI

 CLASSI PRIME,  SECONDE, TERZE               8.10/12.30        rientri pomeridiani lunedì e giovedì:    13.45/16.10

 CLASSI  QUARTE E  QUINTE       8.10/12.30        rientri pomeridiani lunedì, martedì e giovedì:    13.45/16.10

 

SANTA CRISTINA

8.10/12.30        rientri pomeridiani:    13.40/16.20 (lunedì - mercoledì)

 

SANTA CROCE

8.00/12.30        rientri pomeridiani lunedì e mercoledì:    14.00/16.00

 

SAN MARCO

8.15/12.45  lunedì - mercoledì - venerdì       

martedì - giovedì:    8.15/12.30    -     13.30/16.00

VERGANO

7.50/12.15        rientri pomeridiani:    13.45/15.45 (lunedì - martedì)

 

CUREGGIO

8.30/12.30        rientri pomeridiani:    14.00/16.20 (lunedì - martedì - giovedì)

 

MAGGIORA

8.10/12.30        rientri pomeridiani:    13.40/16.00 (lunedì - mercoledì - giovedì)

 

POPOLAZIONE SCOLASTICA

 

La Direzione Didattica accoglie alunni di Borgomanero e di alcuni comuni vicini.

Negli ultimi anni l'immigrazione di nuclei familiari di nazionalità diverse (asiatici, africani, europei dell'est, latino-americani) è andata intensificandosi (l'incidenza delle famiglie straniere sul numero totale delle famiglie nel triennio 2008/2012 a Borgomanero, ha avuto una crescita del 17%): i nuovi arrivati giungono spesso senza certezza di occupazione e con carichi di famiglia consistenti. Trovano con difficoltà abitazione spesso aiutati da parrocchie o gruppi di volontariato, i bambini vengono inseriti nelle scuole materne ed primarie del centro, ma anche delle frazioni, che si trovano sempre più di frequente ad affrontare i problemi di un inserimento improvviso e selvaggio, in qualunque momento dell'anno scolastico, di alunni che non conoscono la lingua italiana e spesso provengono da esperienze scolastiche saltuarie ed irregolari.

Perciò i problemi che prima erano tipici delle scuole del centro, ora si sono allargati anche alle frazioni e ai comuni limitrofi che spesso devono affrontare situazioni di handicap e svantaggio, anche se resta comunque la diversità tra l'utenza delle scuole del centro, dove si registra una più elevata media di alunni per classe, e quelle dei plessi delle frazioni e dei piccoli comuni limitrofi (più stabile e coesa).

 

FINALITA’ DELLA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA  

Maturazione dell'identità personale e conquista dell'autonomia

·          conoscenza di sé e degli altri;

·          accettazione di sé e dei  propri  limiti, accettazione degli altri e dei loro diritti;

·          capacità di esprimere e controllare sentimenti ed emozioni;

·          capacità di rispettare sentimenti ed emozioni degli altri;

·          autonomia nel curare se stessi e il proprio corpo, nel curare il materiale;

·         autonomia nel rispettare le consegne, nell'organizzare il lavoro scolastico.

Educazione al rispetto degli altri e alla convivenza democratica

·          rispetto verso gli altri e verso l'ambiente;

·          conoscenza e accettazione delle regole che stanno  alla  base del vivere in comunità;

·          tolleranza delle opinioni e delle abitudini altrui;

·          rispetto di tutte le culture.

Sviluppo  di competenze  indispensabili per  la comprensione   della  realtà che ci circonda:

·          conoscenza ed uso competente, pertinente e personale dei  più   importanti tipi di linguaggio: verbale, grafico, iconico,  musicale, gestuale, numerico ed informatico;

·         orientamento nello spazio, conoscenza dell'ambiente;

·         possesso delle abilità fondamentali specifiche di ogni  campo di esperienza e di ogni disciplina;

·         capacità di utilizzare le conoscenze apprese in contesti  diversi.

 

 

OBIETTIVI EDUCATIVI FONDAMENTALI

 

1.   Promuovere il pieno sviluppo dell’identità di ciascun alunno, curando tutti gli aspetti della sua personalità.

2.   Educare ad imparare,  perché i bambini acquisiscano competenze e abilità tali da poter affrontare in modo autonomo nuove esperienze e conoscenze.

3.   Orientare al fine della formazione dell’uomo e del cittadino.

4.   Educare alla legalità, ai valori della lealtà e della pace, al superamento dei conflitti con il metodo del dialogo.

5.   Promuovere l’educazione interculturale, con i temi dell’accoglienza, della solidarietà, della tolleranza.

6. Promuovere la cultura del l'integrazione collocando i valori inclusivi al centro del progetto di sviluppo

7. Educare alla sicurezza, all’acquisizione di comportamenti che evitino il pericolo e garantiscano l’incolumità a scuola, a casa, per strada.

 

INDICATORI DI APPRENDIMENTO

CLASSE I

ITALIANO

·      distinguere i fonemi delle vocali e delle consonanti e associarli ai rispettivi grafemi;

·      mantenere l’attenzione sul messaggio orale;

·      leggere globalmente semplici frasi;

·      scrivere autonomamente semplici parole;

·      comprendere e riferire i contenuti essenziali dei testi ascoltati;

·      intervenire nelle conversazioni in modo ordinato e pertinente;

·      leggere e comprendere brevi e semplici testi;

·      conoscere i diversi caratteri di scrittura;

·      scrivere parole e semplici frasi rispettando le principali convenzioni ortografiche.

 

INGLESE

·      comprendere ed eseguire semplici istruzioni e procedure;

·      salutare e rispondere al saluto;

·      presentarsi e chiedere il nome alle persone;

·      identificare e nominare oggetti, colori e numeri;

·      memorizzare filastrocche e canti.

 

STORIA

·      collocare in successione temporale esperienze vissute;

·      rilevare il rapporto di contemporaneità tra azioni;;

·      riconoscere la successione di azioni in una storia;

·      riconoscere la ciclicità di fenomeni temporali: settimana, mesi, stagioni, anni.

 

GEOGRAFIA

·      riconoscere ed usare gli indicatori topologici spaziali per descrivere la posizione e gli spostamenti di sé e degli oggetti.

leggere semplici mappe o piante di spazi vissuti

 

MATEMATICA

·      usare i numeri per contare, confrontare, ordinare le quantità;

·      classificare oggetti e figure in base ad una data proprietà;

·      definire la posizione di oggetti in riferimento a sé e agli altri;

·      leggere e scrivere i numeri naturali sia in cifre che in parola;

·      contare in senso progressivo e regressivo;

·      compiere confronti tra grandezze;

·      risolvere semplici situazioni problematiche che prevedano l’uso di addizione e sottrazione.

 

SCIENZE

·      utilizzare gli organi di senso per riconoscere le caratteristiche di un oggetto;

·      distinguere gli esseri viventi e non viventi;

·      classificare gli animali secondo alcune caratteristiche.

 

 

 

TECNOLOGIA E INFORMATICA

·      accendere e spegnere il computer;

·      riconoscere i principali componenti del computer;

·      utilizzare mouse e tastiera per eseguire semplici giochi didattici e facili programmi di disegno.

 

MUSICA

·      eseguire semplici canti corali;

·      riconoscere le sonorità dell’ambiente e distinguere tra suoni e rumori naturali e artificiali.

 

ARTE E IMMAGINE

·      utilizzare il colore per differenziare e riconoscere gli oggetti e per esprimersi in modo creativo;

·      rappresentare figure umane con uno schema corporeo strutturato.

 

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

·      muoversi secondo una direzione, controllando la lateralità e adattando gli schemi motori di base;

·      utilizzare il corpo e il movimento per rappresentare situazioni comunicative;

·      partecipare al gioco collettivo rispettando indicazioni e regole.

 

 

CLASSE II

ITALIANO

·      mantenere l’attenzione ponendosi in modo attivo all’ascolto;

·       leggere e comprendere semplici testi di vario tipo riconoscendone la funzione;

·      scrivere autonomamente frasi ortograficamente corrette;

·      scrivere autonomamente semplici testi controllando l’ortografia;

·      comprendere poesie e filastrocche;

·      riconoscere alcune strutture della lingua e arricchire il lessico.

 

INGLESE

·      ascoltare, riconoscere, comprendere semplici espressioni;

·      dialogare rispondendo a facili domande;

·      numerare e classificare oggetti;

·      descrivere semplici caratteristiche di oggetti e animali;

·      usare espressioni di accettazione e rifiuto.


STORIA

·      collocare in successione temporale esperienze vissute e fatti secondo i rapporti di successione e contemporaneità;

·      utilizzare l’orologio;

·      individuare i cambiamenti connessi al trascorrere del tempo;

·      distinguere e confrontare alcuni tipi di fonte storica;

·      leggere ed interpretare alcune testimonianze del passato recente.

 

 

GEOGRAFIA

·      riconoscere ed utilizzare le principali relazioni topologiche;

·      riconoscere gli elementi fisici ed antropici in un paesaggio;

·      orientarsi in un percorso o su una pianta;

·      rappresentare graficamente in pianta spazi/esperienze vissute.

 

MATEMATICA

·      riconoscere i numeri in base dieci e il valore posizionale delle cifre;

·      contare e comprendere addizioni e sottrazioni con e senza cambio;

·      riconoscere, rappresentare e risolvere semplici problemi;

·      padroneggiare abilità di calcolo orale e scritto nelle moltiplicazioni;

·      disegnare e descrivere le principali figure geometriche, costruire un asse di simmetria.

 

SCIENZE

·      identificare e descrivere gli esseri viventi e non viventi;

·      osservare, porre domande, descrivere, confrontare;

·      riconoscere e descrivere alcuni fenomeni fondamentali del mondo naturale.

TECNOLOGIA E INFORMATICA

·      accendere e spegnere il computer;

·      lanciare ed utilizzare un programma di disegno per disegnare e colorare;

·      lanciare un programma di videoscrittura e utilizzarlo per scrivere semplici testi.

MUSICA

·      eseguire semplici canti corali;

·      percepire distinguere fenomeni sonori;

·      scoprire i ritmi nelle parole, nella giornata, nella vita;

·      utilizzare la voce per espressioni parlate, recitate, cantate.

ARTE E IMMAGINE

·      usare gli elementi del linguaggio visivo;

·      leggere immagini individuandone gli elementi costitutivi;

·      utilizzare varie tecniche grafico – pittoriche; usare correttamente il colore.

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

·      muoversi con scioltezza, destrezza, ritmo utilizzando piccoli attrezzi;

·      padroneggiare gli schemi motori di base in situazioni diverse;

·      partecipare alle attività di gioco e sport rispettando le regole.

 

CLASSE III

ITALIANO

·       produrre semplici racconti orali e scritti rispettando la sequenza temporale delle azioni;

·       narrare esperienze personali usando un racconto, una lettera, una pagina di diario;

·       leggere e comprendere una storia ed individuarne gli aspetti essenziali;

·       descrivere persone, animali, ambienti cogliendone analogie e differenze;

·      comprendere il significato di testi riconoscendone la funzione;

·      scrivere testi descrittivi, narrativi, regolativi, rispettandone le caratteristiche strutturali e controllando l’ortografia;

·      comprendere e interpretare poesie e filastrocche, riconoscere rime, paragoni, similitudini, onomatopee.

 

 

INGLESE

·      comprendere semplici enunciati orali;

·      riprodurre brevi dialoghi ponendo domande e rispondendo;

·      descrivere oggetti, animali, persone e luoghi conosciuti.


STORIA

·      ricavare informazioni da fonti di diverso tipo;

·      conoscere leggende e teorie riguardo alle origini della terra, all’evoluzione della vita;

·      comprendere le origini dell’uomo attraverso i reperti archeologici e la teoria dell’evoluzione;

·      conoscere il Mesolitico e il Neolitico come fasi di transizione dalla Preistoria alla Storia;

·      conoscere gli eventi che hanno prodotto grandi cambiamenti nella vita dell’uomo.

GEOGRAFIA

·      osservare e riconoscere gli elementi caratteristici di un ambiente;

·      leggere ed utilizzare semplici rappresentazioni iconiche e cartografiche;

·      individuare le caratteristiche.

 

MATEMATICA

·      operare con i numeri entro le decine di migliaia;

·      risolvere situazioni problematiche;

·      effettuare ed esprimere misure di grandezza;

·      operare con figure geometriche;

·      usare semplici linguaggi logici;

·      raccogliere e rappresentare dati e previsioni.
 

SCIENZE

·      osservare fenomeni naturali;

·      formulare ipotesi;

·      cogliere relazioni tra fatti e fenomeni osservati.

 

TECNOLOGIA E INFORMATICA

·      utilizzare programmi di videoscrittura, di disegno e di presentazione;

·      collaborare e condividere.

 

MUSICA

·      eseguire canti corali accompagnandosi con suoni prodotti dal corpo e collegandosi alla gestualità;

·      riconoscere, descrivere e classificare suoni ed eventi sonori.

ARTE E IMMAGINE

·      distribuire elementi decorativi su una superficie;

·      collocare oggetti nello spazio individuandone campi e piani;

·      leggere e/o produrre una storia a fumetti.

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

·      muoversi con scioltezza, disinvoltura e ritmo;

·      padroneggiare gli schemi motori di base in situazioni diverse;

·      partecipare alle attività di gioco e sport rispettando le regole.

 

 

 

CLASSE IV

ITALIANO

·      saper esporre oralmente in modo pertinente ed ordinato;

·      leggere ad alta voce in maniera espressiva testi di vario tipo;

·      saper comprendere vari tipi di testo,ricavandone dati ed informazioni;

·      saper produrre vari tipi di testo con correttezza ortografica, rispetto della punteggiatura e lessico adeguato;

·      saper rispettare le convenzioni ortografiche;

·      riconoscere le parti del discorso;

·      riconoscere i sintagmi e la loro funzione all’ interno della frase.

 

INGLESE

·      comprendere ed eseguire istruzioni e procedure;

·      interagire in brevi e semplici scambi dialogici, ponendo domande e rispondendo;

·      saper chiedere e fornire informazioni;

·      saper descrivere azioni quotidiane;

·      memorizzare filastrocche e canti.


STORIA

·      cogliere il concetto di tempo come successione e contemporaneità;

·      saper ricavare informazioni dai documenti storici;

·      individuare le cause e le conseguenze di un determinato evento;

·      usare correttamente il linguaggio specifico della disciplina;

·      saper utilizzare le informazioni per ricostruire la storia di un popolo;

·      saper collocare le civiltà conosciute sulla linea del tempo.

·      scoprire il significato delle festività nazionali, individuando il valore morale e civile dei simboli della Patria.

 

 

GEOGRAFIA

·      saper leggere ed interpretare le diverse rappresentazioni cartografiche e grafiche;

·      saper usare correttamente il lessico specifico;

·      orientarsi e muoversi nello spazio, utilizzando piante e carte;

·      saper individuare gli elementi fisici di ciascun paesaggio geografico italiano;

·      saper riconoscere e valutare gli interventi apportati dall’ uomo nel territorio;

·      valutare l’ interdipendenza tra aspetti fisici, insediamenti ed attività.

MATEMATICA

·      saper operare con numeri interi e decimali entro le centinaia di migliaia, con consapevolezza del valore posizionale delle cifre;

·      eseguire le quattro operazioni con i numeri interi e decimali;

·      avviare strategie di calcolo mentale;

·      saper confrontare ed ordinare frazioni;

·      costruire e disegnare le principali figure geometriche piane,riconoscendone le caratteristiche;

·      risolvere situazioni problematiche utilizzando le operazioni aritmetiche;

·      saper effettuare misurazioni;

·      utilizzare unità di misura convenzionali ed attuare conversioni;

·      registrare i dati utilizzando opportune rappresentazioni grafiche.

 

 

SCIENZE

·      saper riconoscere e descrivere fenomeni fondamentali del mondo fisico;

·      saper descrivere i fenomeni emergenti dalle attività di esplorazione e sperimentazione e formulare ipotesi;

·      saper riconoscere le strutture fondamentali degli esseri viventi;

·      riconoscere il rapporto tra alimentazione e benessere fisico.

TECNOLOGIA E INFORMATICA

·      utilizzare programmi di videoscrittura, di presentazione.

·      utilizzare programmi didattici per l’ apprendimento delle varie discipline.

 

MUSICA

·      utilizzare la voce per eseguire semplici canti;

·      cogliere i valori espressivi delle musiche ascoltate.

ARTE E IMMAGINE

·      saper riprodurre un’ immagine, usando tecniche appropriate;

·      saper osservare e descrivere un’ immagine;

·      saper utilizzare materiali diversi.

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

·      utilizzare schemi motori e posturali;

·      saper coordinare i movimenti oculo-manuali e segmentari;

·      rispettare le regole dei giochi sportivi praticati;

·      cooperare nel gruppo, confrontarsi lealmente con i compagni, anche in competizione.

CLASSE V

ITALIANO

·      partecipare a discussioni di gruppo, individuando il problema affrontato  e le principali opinioni espresse;

·      saper riferire su un argomento  in modo pertinente ed ordinato, saper dare istruzioni;

·      leggere ad alta voce in maniera espressiva testi di vario tipo, individuandone le principali caratteristiche strutturali e di genere;

·      pianificare e produrre testi, con correttezza ortografica, rispetto della punteggiatura e proprietà lessicale;

·      riconoscere le parti del discorso;

·      riconoscere i sintagmi e la loro funzione all’ interno della frase.

INGLESE

·      comprendere ed eseguire istruzioni e procedure;

·      interagire in brevi scambi dialogici;

·      scrivere semplici messaggi seguendo un modello dato;

·      rilevare diversità culturali in relazione ad abitudini di vita;

·      memorizzare filastrocche e canti.


STORIA

·      cogliere il concetto di tempo come successione e contemporaneità;

·      individuare le cause e le conseguenze di un determinato evento;

·      usare correttamente il linguaggio specifico della disciplina;

·      saper riesporre su un argomento dopo aver eseguito ricerche e consultato fonti diverse;

·      scoprire le radici storiche ed il significato delle festività nazionali, individuando il valore morale e civile dei simboli della Patria.

 

 

 

GEOGRAFIA

·      riconoscere e leggere carte e grafici di vario tipo;

·      orientarsi e muoversi nello spazio, utilizzando piante e carte stradali;

·      definire gli elementi fisici ed antropici delle regioni italiane e descriverle cogliendo i principali rapporti di connessione ed interdipendenza;

·      localizzare sul planisfero e su carte geografiche elementi fisici e continenti;

·      prendere coscienza dei problemi relativi alla conservazione e valorizzazione del patrimonio ambientale.

 

MATEMATICA

·      leggere e scrivere numeri naturali e decimali con consapevolezza del valore posizionale delle cifre;

·      eseguire le quattro operazioni con i numeri interi e decimali;

·      avviare strategie di calcolo mentale;

·      costruire e disegnare le principali figure geometriche riconoscendone le proprietà: operare con esse, determinandone perimetri ed aree;

·      risolvere situazioni problematiche utilizzando le operazioni aritmetiche e/o le espressioni;

·      risolvere problemi relativi al calcolo di perimetri ed aree;

·      utilizzare unità di misura convenzionali ed attuare conversioni;

·      eseguire semplici rilevamenti statistici rappresentando i dati raccolti mediante grafici.

 

SCIENZE

·      osservare, porre domande, fare ipotesi di soluzione di problemi relativi all’osservazione di fenomeni rilevabili nell’ ambiente;

·      riconoscere le strutture fondamentali degli esseri viventi, con particolare riferimento al corpo umano;

·      conoscere le fonti di energia e le regole di sicurezza.

TECNOLOGIA E INFORMATICA

MUSICA

·      utilizzare la voce per eseguire semplici canti;

·      cogliere i valori espressivi delle musiche ascoltate.

ARTE E IMMAGINE

·      osservare e descrivere un’immagine;

·      rielaborare, ricombinare, modificare creativamente  disegni ed immagini, utilizzando tecniche diverse;

·      interiorizzare il concetto di tutela e salvaguardia dei beni del patrimonio artistico – culturale.

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

·      utilizzare schemi motori e posturali;

·      rispettare le regole dei giochi sportivi praticati;

·      cooperare nel gruppo, confrontarsi lealmente con i compagni, anche in competizione.

 

 

 

 

 

OPPORTUNITA’ E  VINCOLI

Questa comunità educante ha dovuto all’indomani della sua creazione (settembre 1997) dotarsi di strutture, procedure e microorganizzazioni tali da evitare che la dimensione si trasformasse in un vincolo troppo pesante per i bisogni di ogni singola Scuola e di ogni singolo alunno.
Tre difficoltà grandissime condizionano le scelte:

1.  Il problema di garantire comunicazioni efficaci dal centro alla periferia e viceversa

2.  La scarsità dei fondi perché l’istituzione non riceve sempre in ragione del numero degli utenti

3.  La presenza di problemi negli edifici per cui i Comuni possono rispondere solo parzialmente alle necessità organizzative.

Sono tuttavia presenti caratteristiche che offrono particolari vantaggi ed opportunità:

1.  Alto livello di professionalità dei docenti

3.  Conoscenza comune del territorio per cui è più facile individuare problemi e difficoltà.

4.  Presenza fra i docenti di persone responsabili e disponibili cui affidare deleghe.

5.  Attenzione e impegno da parte delle Amministrazioni Comunali all’adeguamento degli edifici, secondo le nuove norme di sicurezza.

 

 

DELEGHE

Il dirigente scolastico, considerata la vastità del Circolo Didattico di Borgomanero, al fine di :

·         Creare le condizioni organizzative per un lavoro di qualità

·         Favorire la comunicazione ed informazione dal centro alla periferia e viceversa

·          Impedire che la vastità del Circolo si trasformi in problema di organizzazione,

·         Impedire che l’utenza decentrata nei plessi lontani non abbia interlocutori sensibili ai problemi emergenti

Delega

All’ins. Erbetta Maria Teresa

·        La propria sostituzione in caso di assenza e le dà l’incarico di segretaria del Collegio Docenti e del Collegio Congiunto

Delega inoltre

ai collaboratori di plesso i seguenti incarichi:

·         organizzazione attività di plesso e comunicazione di eventuali problemi al dirigente scolastico;

·         rapporto con i vari enti per le varie necessità del plesso;

·         controllo della sicurezza dell’edificio;

·         controllo - comunicazione con genitori ed insegnanti;

·         controllo dei sussidi e delle attrezzature;

·         orari personale ausiliario;

·         orari funzionamento del plesso;

·         attuazione decisioni prese dal Collegio Docenti e dal Consiglio di Circolo;

·         rispetto delle scadenze;

·         presidenza dei Consigli di Interclasse.

 ELENCO RESPONSABILI DI PLESSO                                       

 

PLESSO PRIMARIE

 

 

NOMINATIVO

DANTE

MARIA MARTINO
IADAROLA M.TERESA

ALFIERI

ERBETTA MARIA TERESA
BERTONA MARIA GRAZIA

SANTA CRISTINA

LEONARDI MANUELA

SAN MARCO

SAVOINI MARA

VERGANO

ZANETTI MARIA TERESA

SANTA CROCE

BUCCI WALTER

CUREGGIO

VEGGIOTTI ROBERTA

MAGGIORA

CERUTTI ANTONELLA

 

PLESSO INFANZIE

 

 

NOMINATIVO

VIA SCUOLE

PUPPOLO ROSALINDA

SANTA CROCE

MASTROIANNI FIORELLA

VERGANO

ZONCA CRISTINA

MAGGIORA

BELTRAMI MARIA TERESA

PASCOLI

BALDONE ANGELA

SAN MARCO

ZANETTA SILVANA

CORSO ROMA

FERRARI MIRELLA

SANTA CRISTINA

FRANCHINO ROSSANA

CUREGGIO

CIGNA MANUELA

                                                                                                                

 

INSEGNANTI DESIGNATE FUNZIONI STRUMENTALI

Il Collegio Docenti designa alcune insegnanti che svolgeranno funzioni di coordinamento.

·        Area coordinamento progetti:

·        AREA orientamento e continuità: infanzia - primaria:

·         AREA orientamento e continuità: primaria - media:

·        Area coordinamento sportello psico - pedagogico: 

·        Area coordinamento DSA:

 

 

 Responsabile per la sicurezza nel Circolo: MARANO ANTONIO - BERTONA MARIA GRAZIA

 

 

MATERIE DI STUDIO ( monte ore  settimanale)

 

 

materie

classe 1^

classe   2^ 3^ 4^5^

lingua italiana

ore 8/9

ore 7

informatica

ore 1

ore 1

matematica

ore 7/8

ore 5 / 7

storia

ore  1/2

ore 2

religione

ore 2

ore 2

geografia

ore 2

ore 2

ed.motoria

ore 1/2

ore 1 + 1

ed.musicale - ed.immagine

ore 1 / 2

ore 1 / 2

scienze

ore  2

ore 2

inglese

ore 1

ore 2/3

     

 

 

 

PROGETTI DI CIRCOLO

 ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Educazione ambientale, alimentare

Educazione musicale, artistica

Progetto continuità

Allo scopo di agevolare il passaggio degli allievi da un ordine di scuola all'altro, sono state da tempo previste in sede ministeriale dettagliate indicazioni operative rivolte agli insegnanti: "il presupposto di questa esigenza di raccordo è il continuum della crescita della persona che comunque permane in un processo di apprendimento che si amplia e si diversifica anche in rapporto alle differenti fasi di sviluppo psico-fisico".

Tutte le scuole primarie e dell’infanzia sono impegnate nell'elaborazione di percorsi che coinvolgono alunni ed insegnanti negli anni-ponte interessati al passaggio da un ordine di scuola all'altro per evitare disagi e favorire un armonioso sviluppo della personalità degli alunni.

ELENCO PROGETTI a. s. 2013/2014

DESCRIZIONE

TITOLO DEL PROGETTO

SCUOLA

 

EDUCAZIONE TEATRALE E LINGUA STRANIERA

ENGLISH WORKSHOP

PRIMARIA S.MARCO

 

INGLESE CON  MSS. ELIZABETH

PRIMARIA MAGGIORA

 

P01

HELLO  ENGLISH

PRIMARIA DANTE

 

 

LET'S GO AGAIN

PRIMARIA S. CRISTINA

 

 

A SBAGLIARE LE STORIE...

PRIMARIA DANTE

 

 

UN MUSICAL DA FAVOLA

PRIMARIA CUREGGIO

 

 

LABORATORIO ANDREA LONGHI

INFANZIA S. CRISTINA

 

 

EDUCAZIONE TEATRALE

INFANZIA VIA SCUOLE

 

 

FACCIAMO TEATRO INSIEME

PRIMARIA DANTE

 

 

EDUCAZIONE ALLA TEATRALITA'

PRIMARI A S.MARCO

 

 

GIOCHIAMO CON L'ARTE DI MIRO'

PRIMARIA CUREGGIO

 

 

TEATRIAMO INSIEME

PRIMARIA MAGGIORA

 

 

VIAGGIANDO CON PICASSO

INFANZIA PASCOLI

 

 

LETTURA ANIMATA

INFANZIA CORSO ROMA

 

 

DANZE POPOLARI

INFANZIA VIA SCUOLE

 

 

PROGETTO LETTURA

PRIMARIA DANTE

 

 

 

 

 
 

GIOVANI E AMBIENTE Muoversi senza inquinare

CIRCOLO DIDATTICO

 
 

PROGETTO COOP

CIRCOLO DIDATTICO

 

EDUCAZIONE ALL'AMBIENTE E CITTADINANZA

MANIFESTAZIONI SUL TERRITORIO / EVENTI

CIRCOLO DIDATTICO

 

CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

CIRCOLO DIDATTICO

 

INVALSI

CIRCOLO DIDATTICO

 

P02

 

 

OPEN DAY

PRIMARIA DANTE 

 

 

PRIMARIA ALFIERI  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

EDUCAZIONE AMBIENTALE

CONSORZIO M. NOVARESE

 

 

 

 

 

ATTIVITA' SPORTIVE ED EDUCAZIONE STRADALE

GIOCO SPORT

PRIMARIA S.MARCO

 

GIOCO COL MIO CORPO

INFANZIA S, MARCO

 

P04

CRESCERE CON LO SPORT

PRIMARIA DANTE

 

 

UN MONDO DI REGOLE

PRIMARIA ALFIERI

 

 

3 2 1  VIA

PRIMARIA S.CRISTINA

 

 

EDUCAZIONE MOTORIA

PRIMARIA S.CROCE

 

 

MUOVIAMOCI INSIEME

PRIMARIA CUREGGIO

 

 

REGOLE IN GIOCO

PRIMARIA VERGANO

 

 

EDUCAZIONE MOTORIA

INFANZIA PASCOLI

 

 

ATTIVITA' MOTORIA

INFANZIA CORSO ROMA

 

 

ATTIVITA' MOTORIA PRESPORTIVA

INFANZIA S.CRISTINA

 

 

ATTIVITA' MOTORIA

INFANZIA VERGANO

 

 

TUTTI IN MOVIMENTO

INFANZIA CUREGGIO

 

 

GIOCHIAMO INSIEME  

PRIMARIA CUREGGIO

 

 

MI RIMETTO IN MOVIMENTO  

INFANZIA  CUREGGIO

 

 

PROGETTO CONI

CIRCOLO DIDATTICO

 

 

ATTIVITA' DI FINE ANNO

DANTE

 

 

ATTIVITA' DI FINE ANNO

ALFIERI

 

 

LABORATORI DI SCACCHI

CIRCOLO DIDATTICO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

DESCRIZIONE

TITOLO DEL PROGETTO

SCUOLA

 

EDUCAZIONE MUSICALE

GIOCHI DI NOTE

PRIMARIA VERGANO

 

P06

FANTASIE MUSICALI

PRIMARIA ALFIERI C. MI - III

 

 

NATALE IN ALLEGRIA

PRIMARIA ALFIERI CL. II - V

 

 

MUSICOLANDIA

PRIMARIA DANTE

 

 

MUSICA - MUSICA

PRIMARIA CUREGGIO

 

 

MUSICA- MUSICA

PRIMARIA S.CROCE

 

 

MUSICA INSIEME 3

PRIMARIA ALFIERI

 

 

manifestazioni :IV NOVE. XXV aprile

CIRCOLO

 

 

PROPEDEUTICA MUSICALE

PRIMARIA DANTE

 

 

PROGETTO PAI

CIRCOLO DIDATTICO

 

 

 

 

 

 

EDUCAZIONE MUSICALE

INFANZIA SANTA CROCE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

DISAGIO E INTEGRAZIONE

PROGETTO POST SCUOLA

PRIMARIA MAGGIORA

 

P13

SPORTELLO CONSULENZA PEDAGOGICA

CIRCOLO DIDATTICO

 

 

 

Integrazione per alunni diversamente abili

La Direzione Didattica di Borgomanero, consapevole dell’importanza del principio dell’accoglienza e dell’inclusione della diversità, concretizza il proprio impegno nella progettazione di interventi formativi volti alla socializzazione, all’acquisizione di autonomia rispetto alla gestione di sé e al miglioramento della sfera cognitiva secondo le potenzialità proprie di ciascuno, per uno sviluppo integrale della persona, che va oltre la scuola, per diventare progetto di vita.

Finalità

Creare culture inclusive in cui tutti si sentono coinvolti nell’attività della scuola, impegnati a rimuovere gli ostacoli all’apprendimento e alla partecipazione.

Produrre politiche inclusive in cui si promuove l’accoglienza di tutti attraverso strutture fisicamente accessibili e un’organizzazione funzionale al sostegno alla diversità.

Sviluppare pratiche inclusive in cui gli insegnanti, collaborando nella progettazione, nell’insegnamento e nella valutazione, tengono presenti le capacità di apprendimento di tutti gli alunni e utilizzano le differenze come risorse.

Accoglienza

La responsabilità dell'integrazione dell'alunno in situazione di handicap e dell'azione educativa svolta nei suoi confronti è, al medesimo titolo, dell'insegnante di sostegno, dell'insegnante o degli  insegnanti di classe o di sezione e della comunità scolastica nel suo insieme.

Progetti:

- Sportello Psicopedagogico

E' un servizio di consulenza per la prevenzione delle difficoltà di apprendimento e la gestione delle difficoltà emotive e comportamentali degli alunni. E' rivolto a docenti, genitori e alunni.
Quando si evidenziano particolari difficoltà che necessitano di un intervento specifico, segue l'invio all'ASL per un approfondimento diagnostico da parte dell'Unità Multidisciplinare (Neuropsichiatra, logopedista, psicologo...).

- Progetto Calamaio

E' un progetto culturale che intende facilitare l'integrazione delle diversità con l'obiettivo di riconoscere le difficoltà e valorizzare le risorse di ogni persona.

- Progetto Compiti

Progetto di prevenzione delle difficoltà di apprendimento e dispersione scolastica.

- Progetto Volontariato

Progetto di affiancamento educativo-didattico agli insegnanti di classe in collaborazione con gli studenti dei Licei di Scienze Umane e Linguistico di Gozzano e Liceo Scientifico di Borgomanero.

 

 

FORMAZIONE

Percorsi di aggiornamento:

Il Collegio Docenti, valutata l’importanza di incontri di aggiornamento per una qualificazione professionale dei docenti, considerate le proposte avanzate da enti e/o docenti qualificati, sottolineata l’esigenza di una ricaduta sulla didattica,
HA ADERITO
ai seguenti percorsi di aggiornamento:

 

 

La rappresentanza sindacale d’istituto è garantita dalle elette RSU:

Bertona Maria Grazia
Cigna Emanuela
Lo Grasso Simona
Lorito Rosanna
Tricarico Rosaria
Marano Antonio
 

 

ESCURSIONI, GITE E VIAGGI D’ISTRUZIONE

Criteri generali e modalità di effettuazione

 

1.    I viaggi di studio e le uscite devono essere fondati su progetti articolati e coerenti.

2.   Devono far parte della programmazione didattica della scuola e vanno progettati come esperienze di apprendimento integrate nel curricolo scolastico;

3.   Devono contribuire a realizzare un arricchimento personale degli alunni attraverso il contatto e la decodifica  dell’ambiente inteso nei suoi aspetti fisici, umani, culturali e produttivi.

4.   Devono costituire occasione di promozione dei processi relazionali e di socializzazione del gruppo.

5.   Per realizzare quanto indicato è necessario che gli alunni siano preventivamente forniti di tutti gli elementi conoscitivi idonei a documentarli ed orientarli sui contenuti del viaggio, che siano fornite appropriate informazioni durante la visita e che le esperienze vissute siano rielaborate e riprese poi in classe.

6. Il piano delle visite guidate  e viaggi di istruzione dovrà essere consegnato entro la fine di ottobre, per permettere alla segreteria di procedere alla richiesta dei preventivi.

7. Il Dirigente Scolastico provvederà all’autorizzazione delle visite guidate e dei viaggi d’istruzione, nel rispetto delle norme stabilite dal Regolamento.

9. Il periodo massimo utilizzabile  per i viaggi d’istruzione in un anno scolastico è di tre  giorni complessivi.

Per gli alunni della Scuola dell’Infanzia, di I e II classe della Primaria si suggerisce di visitare mete vicine, nell’ambito della provincia, e di limitare l’uscita entro l’orario scolastico.

Per gli alunni della Scuola dell'Infanzia sarà discrezione delle insegnanti:
organizzare o meno viaggi di istruzione
organizzare viaggi di istruzione all'inizio dell'anno scolastico
organizzare viaggi con la partecipazione dei bambini di tre anni e degli anticipatari

    Circa la scelta dei momenti in cui effettuare i viaggi si suggerisce di evitare i periodo di grande afflusso turistico, tenendo presente che tali iniziative potranno  essere effettuate fino a un mese prima del termine delle lezioni. 

10. Per i viaggi d’istruzione la cui durata occupa l’intero arco della giornata, si fa presente  che non dovranno durare più di 10 ore complessive. Si  ribadisce che, una volta approvato  il  piano annuale visite e viaggi d’istruzione all’inizio dell’anno solare, non è più possibile   annullare il viaggio, cambiare destinazione o  il numero dei pullman prenotati.

 11. Gli insegnanti della classe, acquisito il parere del Consiglio di Interclasse, presentano le domande di autorizzazione su appositi moduli prestampati, mentre il Collegio dei Docenti approva il piano viaggi predisposto all’inizio dell’anno scolastico, in raccordo con il piano annuale delle attività.

Per l’effettuazione di gite e viaggi viene richiesto il contributo dei genitori degli alunni, che verseranno al rappresentante di classe o direttamente sul c/c della Direzione, con modalità ancora da definire, le quote stabilite.

Per semplificare la parte economico – amministrativa sarà opportuno scegliere mete che non prevedano pagamenti al momento (tipo ingressi) ma dove sia possibile pagare tutto in modo anticipato in modo da prevedere un unico versamento da parte dei genitori.

È auspicabile, ove possibile, l’uso del treno come mezzo di trasporto in quanto non necessita di fatturazione e pertanto può essere saldato direttamente dai genitori.

15. E’ opportuno che all’uscita partecipi tutta la classe/sezione. Gli alunni eventualmente non partecipanti per motivate decisioni di chi  esercita la potestà familiare vengono associati ad altre classi del plesso.

      In caso di mancata partecipazione ( motivi di salute o altre emergenze) non verrà rimborsata la somma relativa al trasporto.

16. Gli accompagnatori saranno gli insegnanti di classe e, in caso di loro indisponibilità, i loro supplenti o altri insegnanti di ruolo e non di ruolo a disposizione della Direzione Didattica, designati dal Dirigente Scolastico.

17.In caso di alunni portatori di handicap, si prevede la presenza di un ulteriore insegnante e/o assistente alla persona.
Se ci fossero difficoltà verrà richiesto aiuto a personale aggiuntivo, autorizzato dal Dirigente Scolastico, per collaborare con i docenti nel garantire la sicurezza, il benessere dei partecipanti e la serenità dei genitori.

I docenti o altro personale accompagnatore degli alunni durante le iniziative di cui al presente titolo, sono soggetti all’obbligo di vigilanza degli alunni e alla responsabilità di cui all’art. 2047 del Codice Civile, con l’integrazione di cui all’art. 61 della Legge 312 del giorno 11/07/1980, che ha limitato la responsabilità patrimoniale del personale della scuola ai soli casi di dolo e di colpa grave. La polizza assicurativa della scuola assicura  loro la copertura per quanto riguarda gli infortuni e la responsabilità civile per la durata dell’uscita e/o del viaggio d’istruzione.

22. Ogni altra iniziativa non contemplata nelle presenti disposizioni, sarà soggetta alla  valutazione del Dirigente Scolastico, che riferirà al Consiglio di Circolo. 

           

R E G O L A M E N T O  D E L   C I R C O L O

 

ART.  1   PREMESSA

L'attività della Direzione di Borgomanero ed il funzionamento degli Organi Collegiali di cui al Capo I del D.P.R. 31.05.1974 n.416, all'O.M. n. 215 del 15.07.1991 e al decreto legislativo n.297 del 16.04.1994, sono disciplinati dal presente regolamento .

 

FUNZIONAMENTO DELLA SCUOLA

 

ART.  2   ORARIO LEZIONI                       

Nel rispetto della normativa vigente l'orario delle lezioni nei due ordini di Scuola viene proposto dal Collegio dei Docenti e deliberato dal Consiglio di Circolo.

 

2.1 SCUOLA DELL’ INFANZIA

L'orario delle attività scolastiche attualmente è ripartito in 5 giorni alla settimana con 8 ore giornaliere e con chiusura il sabato.

 

 2.2 SCUOLA PRIMARIA

L’orario delle attività didattiche viene deliberato dal Collegio dei Docenti e dal Consiglio di Istituto per ogni anno scolastico.

 

ART.  3   FORMAZIONE DELLE CLASSI

 

3.1 SCUOLA MATERNA

Ove esistono 3 sezioni l'assegnazione dei bambini alla sezione viene effettuata in base all'età.

Nel caso di 2 sezioni:

a) la prima sezione sarà  composta  dai bambini di 3 anni e dagli  ultimi nati dei 4 anni;

b) la seconda sezione sarà composta dai bambini di 5  anni e  dai primi nati dei 4 anni.

In presenza di situazioni particolari, si garantisce la continuità del gruppo di alunni più numeroso.

Nel caso di monosezione essa sarà costituita da  tutti gli iscritti fino ad un massimo di 28 alunni o 20 se sono iscritti alunni portatori di handicap.

 

3.2 SCUOLA PRIMARIA

 

Nel caso in cui in un Plesso scolastico esistano due o più sezioni, l’ Ufficio procede alla formazione delle classi prime con le seguenti modalità :

a)    equa suddivisione fra le classi di alunni maschi e femmine;

b)   equa suddivisione fra le classi di alunni con regolare frequenza della Scuola dell’ Infanzia;

c)    attenta valutazione delle indicazioni raccolte dai docenti durante i colloqui con gli insegnanti della Scuola dell’ Infanzia

Considerando che la normativa vigente prevede per la formazione di una classe un numero minimo di 15 alunni , ove necessario le pluriclassi verranno formate tenendo conto della consistenza numerica delle classi esistenti.

 

ART.  4   ALUNNI

 

4.1 SCUOLA DELL’ INFANZIA

4.1.1 Ingresso: i genitori, rispettando gli orari di entrata e di uscita dei singoli plessi, devono sempre accompagnare fino all’interno della scuola i bambini ed affidarli agli insegnanti che sono sempre disponibili per richieste e informazioni.

I bambini che usufruiscono dello scuolabus verranno accompagnati all’ingresso e all’uscita dal personale comunale autorizzato.

 

4.1.2 Responsabilità vigilanza alunni: al termine delle lezioni non si può sostare sui giochi all’interno e all’esterno della scuola, né soffermarsi nel cortile dell’edificio scolastico. Si raccomanda la massima sorveglianza anche durante le feste. Durante le assemblee ed i colloqui si invitano i genitori a lasciare i bambini a casa. Non è possibile introdurre e parcheggiare biciclette e passeggini all’interno del giardino della scuola

4.1.3 Puntualità : i genitori provvedono personalmente o tramite persone delegate e maggiorenni al ritiro del proprio figlio. In caso di ritardo, nell’impossibilità di interpellare i genitori o le persone autorizzate al ritiro dell’alunno, verranno contattati i vigili. I ritardi ripetuti verranno segnalati al Dirigente scolastico, inoltrando comunicazione firmata dal genitore e dall’insegnante.

 

4.2 SCUOLA PRIMARIA

 

4.2.1 Ingresso : gli alunni accedono alle classi al suono del campanello; per motivi di sicurezza i genitori non possono entrare nell’ edificio scolastico.

Al termine delle lezioni l'alunno deve lasciare l'edificio; non è consentito soffermarsi neppure in cortile.

4.2.2 Puntualità : i genitori provvedono personalmente o tramite persone delegate e maggiorenni al ritiro del proprio figlio. In caso di ritardo, nell’impossibilità di interpellare i genitori o le persone autorizzate al ritiro dell’alunno, verranno contattati i vigili. I ritardi ripetuti verranno segnalati al Dirigente scolastico, inoltrando comunicazione firmata dal genitore e dall’insegnante.
 

ART.  5   CONTROLLO ASSENZE                                        

Il docente deve provvedere al controllo delle assenze.

5.1 SCUOLA DELL’ INFANZIA

5.1.1 Assenze per motivi di salute: sarà presentato il certificato medico o autocertificazione dopo 5 giorni di assenza conteggiando il sabato e la domenica.

 

5.2 SCUOLA PRIMARIA

5.2.1 Assenze per motivi di famiglia : devono essere giustificate sul diario dai genitori ed essere comunicate preventivamente ai docenti.

5.2.2 Assenze per motivi di salute : saranno giustificate sul diario dalla famiglia mediante autocertificazione.

Le famiglie sono invitate a rispettare la calendarizzazione scolastica delle vacanze, perché la frequenza deve essere continua e le assenze possono compromettere l’esito dell’anno scolastico.

5.2.3 Ritardi Il ritardo degli alunni alle lezioni deve essere giustificato dai genitori , per iscritto, il giorno stesso o, al più tardi, il giorno successivo a quello in cui è avvenuto.

Per tutti gli ordini scolastici il verificarsi di ripetuti ritardi comporta la segnalazione al Dirigente Scolastico.

5.2.4 Entrate ed uscite in orari diversi

Le entrate e le uscite degli alunni in orari diversi saranno così regolamentate :

a)    richiesta anticipata agli insegnanti tramite diario, da parte dei genitori;

b)   uscita accompagnati da genitore o persona maggiorenne da essi delegata, con giustificazione firmata sul diario

c)    entrata posticipata per motivi di salute e/o familiari : giustificazione sul diario, compilata dai genitori e firmata

 

ART.  6   MENSA                                        

6.1 Prenotazione pasti Poiché il numero dei pasti rilevati deve essere comunicato alla ditta appaltatrice entro le ore 9.00 ( Scuola dell’ Infanzia 9.30) i pasti prenotati debbono essere pagati, anche in caso l’ alunno non ne usufruisca per uscita anticipata imprevista.

Per lo stesso motivo, in caso di ingresso successivo alle ore 9.00 ( Infanzia 9.30), i genitori dovranno  prenotare il pasto il giorno precedente o il giorno stesso con comunicazione telefonica, in orario utile.

 I genitori segnalano per iscritto sul diario eventuali assenze occasionali dalla mensa; i pasti prenotati debbono essere pagati, anche in caso l’ alunno non ne usufruisca per malore improvviso.

6.2 Comportamento degli alunni a mensa Il comportamento degli alunni a mensa deve essere educato, il comportamento scorretto verrà segnalato alla famiglia, se ripetuto potrà comportare la sospensione dalla mensa a partire da un giorno. In caso di gravi scorrettezze verrà richiesta la sospensione del servizio.

6.3 Segnalazione disservizi  Per problemi relativi al servizio mensa , ci si potrà rivolgere ai docenti referenti tramite l’ insegnante coordinatore di Plesso.

 

Articolo 7  CURA DEL MATERIALE

7.1. Il materiale utilizzato dagli alunni è affidato alla responsabilità personale di ciascuno, l’insegnante ed i compagni non rispondono per eventuali danneggiamenti o perdite.

7.2.       Ogni genitore deve premurarsi di controllare che il materiale scolastico sia sempre adeguato a quanto viene richiesto, in quanto la scuola non può sopperire alle carenze. I bambini talvolta portano oggetti costosi o piccoli gioielli, ma questi non possono essere custoditi o sorvegliati dai docenti, meglio quindi lasciare a casa tutto ciò che è costoso e prezioso. Ogni genitore deve controllare il rispetto delle norme igieniche dei propri figli e la cura del vestiario. Si sottolinea che l’abbigliamento deve essere consono all’ambiente educativo frequentato.

7.3.       Secondo la nuova normativa, gli alunni sono obbligati ad indossare il grembiule.        

 

Articolo 8  USO DEL CELLULARE

 

8.1     è vietato l’uso del cellulare, anche durante le uscite ed i viaggi d’istruzione.

         Articolo 9 VIAGGI DI ISTRUZIONE

9.1 In occasione dei viaggi d’istruzione, contestualmente all’autorizzazione, la famiglia dell’alunno verserà la quota del trasporto, che non potrà essere restituita in caso di mancata partecipazione.

 

Articolo 10 SOMMINISTRAZIONE FARMACI

10.1   La somministrazione di farmaci non spetta agli insegnanti, per particolari patologie rivolgersi al Dirigente Scolastico. Per la somministrazione di farmaci salvavita è necessaria la dichiarazione del medico curante che autorizzi l'insegnante a prestare il primo soccorso. Verrà contemporaneamente contattata la famiglia e in casi urgenti il 118.

 

Articolo 11 SOCCORSO D’ URGENZA

11.1     In caso di indisposizione dell’ alunno durante l’ orario scolastico, la famiglia sarà tempestivamente informata. A tale scopo i genitori devono fornire all’inizio di ogni anno scolastico i recapiti telefonici e comunicare eventuali variazioni.

In caso di emergenza, nell’impossibilità di reperire i genitori o chi per essi, la scuola provvederà a prestare soccorso con ogni mezzo idoneo e a chiamare l’ ambulanza, se necessario.

 

Articolo 12 INVITI PERSONALI

 

1.1         A scuola non è possibile lasciare inviti personali, pertanto i genitori sono pregati di prendere eventuali accordi con le famiglie fuori dall’edificio scolastico.